Triangolo della Salute: il lato chimico

triangolo della salute lato biochimico nutrizionale
Secondo appuntamento con il Triangolo della Salute, concetto pilastro della chiropratica. Nel nostro ultimo articolo abbiamo parlato del lato strutturale del Triangolo e abbiamo visto le possibili cause che ne provocano lo stress e l’approccio chiropratico per eliminarle.

Oggi, invece, parleremo del lato chimico. Per comprendere perché il Triangolo della Salute è così importante per noi chiropratici e, soprattutto, per il tuo benessere, è infatti necessario conoscere da vicino ognuno dei suoi 3 lati: strutturale, chimico ed emotivo. Perché sono tutti collegati tra loro e solo se tutti e tre sono in equilibrio, tu sei al 100% della forma. Se, al contrario, c’è qualcosa che non va in uno dei tre lati, anche gli altri ne risentiranno. La conseguenza? Quel 100% andrà via via calando a causa della formazione di sublussazioni vertebrali, blocchi che provocano interferenze tra il sistema nervoso e il resto del corpo. Il corpo tenderà a compensare in qualche modo per rimediare a questa situazione, e tale processo, presto o tardi, darà vita a sintomi fastidiosi.

La salute, insomma, è tutta una questione di equilibrio e l’obiettivo della chiropratica è quello di ristabilire e conservare quest’armonia tra struttura, mente e chimica.

Se non l’hai ancora fatto, ti consigliamo di leggere l’approfondimento sul lato strutturale prima di proseguire nella lettura di questo articolo, in cui, come abbiamo detto, ci focalizzeremo sul lato chimico, chiamato anche biochimico, metabolico o nutrizionale.

Lo stress chimico e la sua relazione con l’alimentazione

A provocare stress sul lato chimico sono prima di tutto le tue scelte alimentari, che possono essere collegate a:

  • intolleranze;
  • eccesso di tossine;
  • carenze di sostanze come vitamine e sali minerali.

Capisci bene che tutte queste situazioni possono causare squilibri che, con il passare del tempo, portano a problemi di vario genere. Per rendertene conto, basta pensare anche solo a quanto ti senti appesantito e privo di energie quando mangi in modo poco controllato, magari durante le feste natalizie o quando sei in vacanza.

Quelle sensazioni sono dei segnali che il tuo corpo ti invia per dirti che non può tollerare oltre i tuoi eccessi. Spesso, però, ignoriamo questi segnali o li sottovalutiamo.

Ma, a parte i periodi particolari, sono soprattutto le scelte che fai nella tua quotidianità che influiscono sul tuo lato chimico. E non ci riferiamo solo a quelle palesemente sbagliate (mangiare troppo spesso cibi ricchi di grassi, zuccheri, sale, conservanti…), ma anche a quelle apparentemente sane, ma non personalizzate. È proprio questo il punto su cui può aiutarti la chiropratica…

Come agisce il chiropratico per eliminare lo stress chimico

Per indagare lo stato di salute del lato chimico, qui alla clinica chiropratica Sanrocco eseguiamo dei test diagnostici che si rifanno alla Kinesiologia Applicata. Tramite questi test siamo in grado di individuare eventuali sostanze “problematiche” per il singolo paziente. Sì, perché ogni persona è diversa dall’altra, e il nostro scopo è quello di capire quali alimenti è meglio evitare del tutto o ridurre e quali privilegiare.

Siamo quindi in grado di dare ai nostri pazienti consigli personalizzati sulla nutrizione, in base alle loro condizioni e alle problematiche mostrate. E così, ristabiliamo l’equilibrio del lato chimico.

In questo video il nostro dott. Mark Steele spiega in una maniera molto basica perché e come un chiropratico può capire quali cibi, vitamine o minerali vanno bene per il nostro corpo e quali no.

Nel prossimo articolo ci occuperemo del terzo e ultimo lato del Triangolo della Salute, quello emotivo. A presto!

Speak Your Mind

*